FEDAGRI PLAUDE AL RICONOSCIMENTO IGP PER L’ACETICO BALSAMICO DI MODENA


Roma, 10 giugno 2009 – “Accogliamo con piacere il riconoscimento della IGP (Indicazione geografica protetta) all’aceto balsamico di Modena, sbugamdg giunto al termine di un percorso molto lungo, nel quale sono state spese non poche risorse, con la perdita di opportunità che oggi possiamo finalmente recuperare, anche se solo parzialmente, con la IGP e la definizione della tecnica produttiva che consentiranno di evitare una utilizzazione generica del termine ‘aceto balsamico’”.

Così il presidente di Fedagri-Confcooperative Paolo Bruni ha commentato l’avvenuta approvazione della IGP per l’Aceto Balsamico di Modena da parte degli uffici della Commissione Europea, annunciata dal Ministro delle Politiche Agricole Luca Zaia oggi a Milano.

“Le diatribe passate – prosegue Bruni –  hanno impedito che si creasse un reale legame, almeno con il territorio regionale, per l’approvvigionamento dei mosti: ciò ridurrà inevitabilmente gli effetti positivi che una IGP avrebbe potuto generare sul sistema agroalimentare e vitivinicolo in particolare della Regione Emilia Romagna.”

condividi su:



Informazioni su Tiziano Bianchi

Giornalista e blogger con uno sguardo curioso, e a volte provocatorio, per la politiche agricole, appassionato di vino, animatore di degustazioni fra amici e di iniziative a sfondo enologico è fra i fondatori di Skywine - Quaderni di Viticultura e di Trentino Wine. Territorialista e autoctonista, ma fino ad un certo punto: non nasconde, infatti, la sua passione sfrenata per il Barolo. Un peccato di gola, che si fa perdonare con l'amore, non sempre corisposto, per la DOC TRENTO.

Lascia un commento

Entra con:




Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *