UN TRAMINER D’ANNATA

Nahe 1949 Traminer Spätlese – (letteralmente raccolto tardivo) vini prodotti con raccolti tardivi e sono in genere più intensi e strutturati dei kabinett. Questi vini possono essere sia secchi, sia abboccati. Questi vini risultano avere un contenuto di acidità piuttosto alto, pertanto l’eventuale dolcezza viene solitamente coperta per effetto degli acidi. Un vino vivo ed emozionate. Oro brillante, man mano che respira a me manca il fiato per la sua delicatezza, camomilla, incenso, note balsamiche, farina di carrubo, note medicinali, e leggera mineralità. In bocca regala sensazioni di eleganza eccelsa. Ancora piacevole leggera sensazione di sapidità con una lunga persistenza.

condividi su:


6 Comments

  1. il Conte

    Alto Adige ; alle 5 del mattino i risultati,
    Trentino : alle 7 si sono riaperti i seggi per gli scrutini e i risultati.
    Esempio di efficienza nordica a sud di Bolzano e dell’eterno assioma provinciale, Trentino/Alto Adige.
    Dopo il Divin Nosiola arriveranno le Divine Careghe di chi ce l’ha fatta e molti dei chi no.
    E’ già annunziato che l’Opposizione farà e sarà all’Opposizione intransigente.
    Siamo arrivati a Risiko o siamo rimasti ancora a Monopoli ?
    Certo che gli elettori hanno fatto una … fuga ..in avanti.
    Ai bloggeur l’ampio giudizio. Uno spritz a tutti.

  2. g

    Elezioni in Alto Adige
    Affluenza al 19,6% alle 11
    Dom, 21/10/2018 – 15:23 ,Alto Adige 2018

    L’affluenza alle urne per le elezioni provinciali in Alto Adige alle 11, orario della prima rilevazione della giornata, è del 19,6%, cioè di 75.125 votanti su 417.968 elettori.
    L’affluenza nelle precedenti provinciali del 2013, alla stessa ora, era stata del 22,4%, con 83.381 persone andate alle urne.
    La maggiore affluenza alle urne alle 11, quanto a comprensori, risulta a Salto-Scillar (21,9%) e a Oltradige-Bassa Tesina (21%). La minore nella zona di Bolzano (17,7%). Per i principali comuni, oltre a Bolzano, l’affluenza è stata del 10,9% a Bressanone, del 19,1% a Brunico, del 21,9% a Laives e del 17,4% a Merano.

    Le percentuali più elevate di votanti sono state registrate a Predoi (26,7%), Chienes (25,4%) Provés e Tires (25,3%) e Avelengo (25,2%), le più basse a Val di Vizze (11,3%) e Curon Venosta (13,2%).

    … e’ il mio ex quotidiano “Adige” di Trento che da’ i primi dati dei cugini a doppio passaporto prossimo eventuale.
    Fusse che fusse per i nuovi proprietari ?
    Alle 11 i Trentini dovevano essere tutti nei pra’ o a degustare i nostri ottimi vini in qualche posto.
    Infatti non vi è il parallelo statistico. Come converrebbe tra due Regioni Autonome ..cugine.
    Attendiamo però fiduciosi domani o stanotte, quando in Trentino qualcuno si sarà svegliato (in %naturalmente).
    Non ho ancora capito la posizione dei coltivatori e delle cooperazioni del nostro territorio a fronte di una brigata elettorale tanto numerosa come è sulla scheda.
    Ma devo fare silenzio : “silenzio elettorale”. Domani è un altro giorno !
    E pare che inizi dopo le 6 del mattino. Uno spritz a tutti !

    • giuliano

      E’ vero, si danno dati e % percentuali come tira il vento – non si capisce se è l’ Ora del Garda o il Phon.
      Ad ogni modo aspettiamo … aspettando domani come Godot

  3. giuliano

    Lo conosco, si chiama l’OSTE SCURO e costa un po’. Molto.
    Io preferisco le Due Spade a Trento per l’amicizia con Peterlana padre che iniziò un lungo percorso dal rifugio delle Viote, poi con bar a Trento e poi ….
    Poi,non chiacchierava, ma lavorava.
    Non degustava..ma dava tranquillità e qualità.
    Sempre molto bene. Lui e la Consorte.
    Questo è il territorio che amo ma non resiste …. forse non esiste !

  4. il Conte

    Ormai è cosi’ :
    ” Silenzio, si fa sera”
    Non Neruda, nè Mao e neanche le chiavi inglesi che sono in offerta al Lidl di via Brennero (Trento) con gli “splendidi” italici vini che qui non appariranno mai.
    Prezzi compresi !
    Qualche volta conviene fare un giro, ma men che meno in Sud Tirol che ci sta traguardando non male.
    Suggerisco sosta elegante alla periferia di Merano o Bolzano (?) all’osteria dell’Oste di Andreas. Hofer ovviamente.

  5. il conte

    Questo vino merita il doppio passaporto e un encomio per l’elegante etichetta con aquila pangermanica. Ma che cacchio : siamo ancora alle sensazioni di bruschetta bruciata, di ascella umidiccia e di grosta di pane trovata su un prato del Renon ?? …..
    Ho sempre sperato che in questo blog non si cadesse sul banale e che i somelier si mostrassero un po’ meno casta di-vino e aiutassero i santi diavoli bevitori come me. Questi vini certo non si trovano al supermercato ma neppure in qualche ristorante italiano a 90 stelle, non si sa il prezzo e rimangono come il Graal!!
    Anche i somelier ….. Seguirà “bicicletta” e karampampoli originale.
    Cin cin

Lascia un commento

Entra con:




Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *