• I PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

  • VALPOLICELLA, UN CONSORZIO CHE FUNZIONA

    Amarone contraffatto, 4 aziende a giudizio: un’operazione da 3 milioni di euro

    Si sono chiuse le indagini dei carabinieri forestali del Nipaaf e delle stazioni forestali di Verona e Tregnago, iniziate alla fine del 2016 con il sequestro di numerose bottiglie nel punto vendita Auchan … LEGGI

    Tiziano Bianchi

    Giornalista e blogger con uno sguardo curioso, e a volte provocatorio, per la politiche agricole, appassionato di vino, animatore di degustazioni fra amici e di iniziative a sfondo enologico è fra i fondatori di Skywine - Quaderni di Viticultura e di Trentino Wine. Territorialista e autoctonista, ma fino ad un certo punto: non nasconde, infatti, la sua passione sfrenata per il Barolo. Un peccato di gola, che si fa perdonare con l'amore, non sempre corisposto, per la DOC TRENTO.

    19 Risposte

    1. Mario Crosta ha detto:

      Buona notizia: Auchan Polska non ha in vendita questi vini, almeno al suo più grande punto vendita di vini, dove vengono anche dalla Cechia e dalla Slovacchia perché sta a 30 km dalle due frontiere. Sono stato anche a parlare con la sommelier che dirige il punto vendita di vini e mi ha detto che ieri in ufficio hanno informato la sede come vi avevo annunciato.

    2. Giampiero Nadali ha detto:

      Tiziano, è bene dare risalto alle notizie positive, ma i meriti qui sono tutti di Siquria, l’organo di certificazione e controllo, e delle varie polizie coinvolte nelle indagini. Loro sì che funzionano, alla grande.

    3. Gianni Morgan Usai ha detto:

      Consorzio premier, al posto di Salvini e Di Maio..!

    4. Mario Crosta ha detto:

      Auchan Retail Polska mi ha risposto subito disponendo immediatamente i controlli interni e ringraziando della segnalazione.

      • Tiziano Bianchi ha detto:

        Ma pensa tu. Cazzo…dobbiamo andare a lezione di efficientismo in Polonia..

      • Mario Crosta ha detto:

        No, stai tranquillo, hai fatto tanto pubblicando la notizia, perché senza quella notizia non si poteva fare niente. Tieni conto che questa GDO si serve di consulenti per scegliere i vini e basta che uno di questi sia un noto pennivendolo e ti ritrovi seppellito di porcherie, ma per dimostrare che il consulente in questione procura bidoni, truffe e noie legali ci vuole una notizia, così gli uffici acquisti chiamano la sede centrale, ottengono altre informazioni, segregano il materiale in attesa di decisioni (ci vogliono 5 minuti) e poi le applicheranno sulla base dei consigli dei loro uffici legali. Io penso che avvenga anche in Italia e spero che il Consorzio si attivi per coinvolgere altre sedi della GDO all’estero nella repressione di questa frode.

      • Tiziano Bianchi ha detto:

        In realtà ho pubblicata la notizia proprio per segnalare il rigore e la serietà del consorzio, che come pochi è impegnato su questo fronte. L indagine parti un anno fa proprio su input del Consorzio

      • Mario Crosta ha detto:

        Infatti, e per serietà dobbiamo dargli una mano. Se ciascuno dei tuoi contatti fa qualcosa presso i suoi, soprattutto all’estero perché Auchan Italia ormai è all’avviso, gli diamo una mano.

      • Tiziano Bianchi ha detto:

        Promuovo sul blog!

      • Elisabetta Tosi ha detto:

        Mario Crosta se serve un consulente sul vino italiano, fai pure il mio nome 🙂 soprattutto se si parla di Valpolicella. Penso di essere abbastanza preparata in materia, tu che dici?

      • Mario Crosta ha detto:

        Certo. Lo so. Hai vinto la battaglia sull’Amarone in cartone trovato in Danimarca, ricordi? Ma guarda che le sigle delle ditte che possono fare truffe del genere fra Treviso e Verona le conosciamo anche qui, sono sempre quelle e quelle 3 nominate nell’articolo le abbiamo rilevate proprio grazie agli occhi acuti di un esportatore famoso in tutto l’est europeo, Franco Maria Algieri che ogni volta che viene prende nota di etichette, prezzi, firme, distributore locale. Anche gli intenditori polacchi di vino, tranne uno, hanno preso da tempo le distanze da questa gentaglia e sconsigliano gli acquirenti dal cadere nella loro trappola.

      • Tiziano Bianchi ha detto:

        Mario Crosta se serve fai pure anche il mio nome: Paolino Paperino.

    5. Moreno Graiff ha detto:

      Taaaaac

    6. Mario Crosta ha detto:

      Ho appena informato anche AUCHAN Retail Polska.

    7. Mario Crosta ha detto:

      Grazie, ho girato la tua notizia a tutti gli amici polacchi, cechi, slovacchi, così vediamo se ci sono le stesse bottiglie, magari ritirate in Italia, in vendita nei Paesi dell’Est

      • Tiziano Bianchi ha detto:

        magari non questa etichetta…. ma altro amarone taroccato di sicuro…

      • Mario Crosta ha detto:

        Nell’articolo, infatti, si citano i nomi di ditte che ho già visto proprio qui in Polonia, dove c’è l’obbligo di indicare l’imbottigliatore e l’importatore. L’importatore risponde di truffa in questo caso, perciò ci penseranno i miei contatti a fare in modo che Auchan ritiri davvero le bottiglie e non le destini ad altri mercati meno informati. Ma conto anche sulla reazione del Consorzio, perché al Consorzio sanno benissimo su quali mercati esteri vengono piazzate le porcherie ed è loro interesse muoversi. L’importante, dunque, è far girare la notizia. Ti ringrazio ancora.

    8. Riki Ceschini ha detto:

      però,non male

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: