ERA UNA NOTTE BUIA E TEMPESTOSA E NACQUE LÉZER, IL ROSÉ FORADORI 5 commenti


Il 2017  stato l’annus horribilis della viticoltura rotaliana. Durante l’estate, in un giorno d’agosto, il cielo sopra il più bel giardino vitato d’Europa si rabbuiò e fu un inferno di ghiaccio che si portò via metà del raccolto. E il resto della messe fu messo a dura prova. Eppure da quella notte buia e tempestosa e da quella vendemmia povera e martoriata nacque un nuovo vino. Il vino della tempesta.
Si chiama “Lezér”, idioma dialettale che significa “leggero”.
Emilio e Theo Zierock, figli della diva (nel senso letterale di divinità pagana) della biodinamica Elisabetta Foradori, si sono dati da fare per salvare il salvabile del Teroldego di famiglia e dalle basi dell’uva superstite e ferita dalla grandine hanno provato a costruire un nuovo progetto enologico. Che da quest’anno entrerà a far parte stabilmente del prestigioso catalogo Foradori.
Numerosissime prove di vinificazione con macerazioni brevi, e poi anfora, cemento e acciaio: tanti lotti assemblati alla fine in questo nuovo vino sperimentale appartenente alla categoria Rosé e dalla marcatura rigorosamente biodinamica.
Lezér sarà presentato per la prima volta in Trentino domani sera, giovedì 31 maggio, a Trento in piazza Lodron, negli spazi del Premiato Panifico Moderno.
Ad accompagnare la degustazione, lo storytelling di quella maledetta (o forse benedetta) tempesta d’agosto e la narrazione della testarda e creativa sperimentazione in cantina di Theo ed Emilio. In sottofondo, poi, le voci notevoli di due cantautori, Peter Burchia e Waira, e la prelibata focaccia romana dei maestri fornai di piazza Lodron.

Ore 18,30 Panificio Moderno, Piazza Lodron, Trento.

condividi su:



Informazioni su Tiziano Bianchi

Giornalista e blogger con uno sguardo curioso, e a volte provocatorio, per la politiche agricole, appassionato di vino, animatore di degustazioni fra amici e di iniziative a sfondo enologico è fra i fondatori di Skywine - Quaderni di Viticultura e di Trentino Wine. Territorialista e autoctonista, ma fino ad un certo punto: non nasconde, infatti, la sua passione sfrenata per il Barolo. Un peccato di gola, che si fa perdonare con l'amore, non sempre corisposto, per la DOC TRENTO.

Lascia un commento

Entra con:




Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 commenti su “ERA UNA NOTTE BUIA E TEMPESTOSA E NACQUE LÉZER, IL ROSÉ FORADORI