• I PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

  • VIGNAIOLI DEL TRENTINO NEL SEGNO DELLA CONTINUITÀ


    Assemblea Consorzio Vignaioli del Trentino: confermati Lorenzo Cesconi e il Cda uscente, con due nuovi giovani ingressi
    Età media che si riduce a 33 anni: un segnale di rinnovamento nella continuità. Vicepresidenza al femminile con Clementina Balter

    Si è svolta questa mattina, presso la sede di Aldeno, l’assemblea elettiva per il rinnovo degli organismi dirigenti del Consorzio Vignaioli del Trentino, a tre anni dalla sua nascita. I soci intervenuti hanno deciso di confermare i membri del Cda uscente, ovvero Lorenzo Cesconi, Clementina Balter, Devis Cobelli, Enzo Poli e Nicola Zanotelli, e sempre all’unanimità è stata accolta la proposta di estendere l’organismo da 5 a 7 membri, integrandolo con i giovani soci Francesco Devigili e Marco Grigolli.

    All’interno del Cda, Lorenzo Cesconi è stato confermato Presidente e Clementina Balter ha assunto l’incarico di Vicepresidente, in questi anni ricoperto da Nicola Zanotelli.

    Un passaggio importante, quello celebrato questa mattina: un cda già giovanissimo si è ulteriormente ringiovanito con l’ingresso di Devigili, vignaiolo che ha fondato una nuova azienda in Rotaliana, e Grigolli, che rappresenta la nuova generazione di una azienda storica della Vallagarina. L’età media del Cda si riduce così a 33 anni, con una vicepresidenza al femminile e la rappresentanza di tutti i territori trentini, dalla Vallagarina alla Valle di Cembra, dalla Rotaliana alla Valle dei Laghi fino alle Colline di Pressano e Faedo.

    Lorenzo Cesconi, nel suo intervento, ha fatto il punto su questi anni di impegno consortile: “Sono stati tre anni positivi, faticosi, importanti. Dopo la trasformazione da Associazione a Consorzio è stato fatto un grande lavoro, internamente e nella costruzione di solide relazioni esterne. Abbiamo creato una struttura solida, che intendiamo ulteriormente potenziare per dare sempre più servizi ai soci e continuare a realizzare eventi di qualità che sappiano dare visibilità e lustro ai Vignaioli trentini. I riscontri sono positivi, ma il lavoro da fare è ancora molto: vogliamo portare a termine quanto iniziato, ma con il contributo di una nuova generazione di Vignaioli”.

    Sulla questione del rinnovamento e della crescita Cesconi si è soffermato, con una riflessione che rappresenta un caposaldo del futuro impegno del Consorzio: “Questa è una sfida fondamentale per i prossimi tre anni: da un lato, sostenere il passaggio generazionale nelle aziende esistenti, dall’altro lavorare per creare le condizioni affinché possano nascere nuove aziende di Vignaioli. Su questo punto, che è cruciale per il futuro della vitienologia trentina, faremo a breve delle proposte concrete, in linea con quanto abbiamo continuato a fare in in questi anni”.

    Tiziano Bianchi

    Giornalista e blogger con uno sguardo curioso, e a volte provocatorio, per la politiche agricole, appassionato di vino, animatore di degustazioni fra amici e di iniziative a sfondo enologico è fra i fondatori di Skywine - Quaderni di Viticultura e di Trentino Wine. Territorialista e autoctonista, ma fino ad un certo punto: non nasconde, infatti, la sua passione sfrenata per il Barolo. Un peccato di gola, che si fa perdonare con l'amore, non sempre corisposto, per la DOC TRENTO.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: