SASSICAIA 1985: IL VINO E L’INTUIZIONE DELL’ETERNITÀ


Cosa sono i millenni? Una manciata di tempo. Polvere in confronto a un unico sguardo dell’eternità

Hermann Hesse

Annus mirabilis: Sassicaia 1985.  Ho sognato questo vino da sempre; l’ho inseguito e spesso l’ho sfiorato senza mai accarezzarlo. Ieri, alla degustazione romana del primo congresso nazionale FIS, tra le venti stelle (verticale Sassicaia di 20 annate dal 2015 al 1980) questa di certo era la più attesa da me.

I più grandi critici sin da subito lo considerarono il vino perfetto, quello da cento punti. Sassicaia 1985 passò 22 mesi in barriques, tra una piccola percentuale di legno nuovo e di piccole botti di secondo e terzo passaggio. Le bottiglie di ieri, magnum della collezione privata del Marchese Incisa della Rocchetta, erano addirittura state controllate primacon il coravin e quelle con qualche imperfezione sono state cambiate in toto.

Trentatré anni e non sentirli. La degustatrice, Daniela Scrobogna lo ha definito tridimensionale e con il naso tipico del Sassicaia. Bisogna ricordare che il Sassicaia è un vino da considerare non potente ma elegante. Al naso leggero sentore di mallo di noce, pochissimo ed evanescente ricordo di prugna secca. Amarena, cassis, balsamico terra bagnata, tanto cesellato sottobosco e curioso ricordo di ghiande. Sigaro toscanino. In bocca è spaziale! C’è tutto: pieno, avvolgente, elegante ed equilibrato ma la cosa che stupisce è che non si vede il declino e non si capisce dove possa arrivare.

Sono stato un privilegiato. In Italia abbiamo capolavori michelangioleschi anche nei vini: 110 e lode. Piango dalla gioia e per la cronaca ho preso sia la bottiglia vuota che la cassa per memorabile ricordo.

condividi su:



Informazioni su Raffaele Fischetti

“Un vino è eccezionale, quando ci si siede in poltrona, si degusta, si chiudono gli occhi e si vede l'immenso” G. Tachis Il sommelier, nella mia visione, è un appassionato di vino che dopo aver degustato tanti vini si trova ad un bivio, innanzi a lui, tre strade: “me la tiro” ossia presunzione di sapere tutto, “ingessatura” degustare e valorizzare solo vini blasonati e “continuo a cercare” per conoscere sempre più. Io ho scelto di appartenere alla terza via. All’età di ventun’anni ho avuto, in un giorno di settembre, una folgorazione, inaspettata, davanti ad un calice di vino che mi ha aperto un nuovo immaginario, emozioni a me sconosciute. Ho scoperto che una bottiglia è la sintesi di un perfetto equilibrio fra natura, mano dell'uomo, tecnologia e storia vitivinicola. L'essenza della degustazione diventa espressione di questa conoscenza, creatrice di armonia. Il vino ha la capacità di rendere gli uomini tutti uguali e al pari quando si trovano davanti ad una buona bottiglia da degustare insieme. A volte è proprio il vino che crea questa magia e li rende anche migliori....prosit!! Raffaele Fischetti - Presidente FIS - Fondazione Italiana Sommelier del Trentino Alto Adige

Lascia un commento

Entra con:




Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *