TRENTINO LUKIN 2010 VILLA CORNIOLE, UNO CHARDONNAY MAGISTRALE

Cosa c’è di più bello di una riunione di amici veri intorno a una buona tavola? E’ il miele della vita

Tahar Ben Jelloun

Trentino Chardonnay 2010 Villa Corniole. Chardonnay Lukin della Val di Cembra, zona meravigliosa da scoprire per tutti gli eno-appassionati. Giallo paglierino carico tendete alla paglia essiccata al sole, limpido e ancora sorprendentemente di una luce brillante. Al naso ammiccante, pesca gialla, fiori d’arancio, margherita prima del m’ama non m’ama, camomilla essiccata al sole, curiosa sensazione di miele alpino ancora custodito nelle favi (insieme delle cellette), macchia mediterranea, penso al rosmarino baciato dal caldo estivo quando ancora attaccato alla pianta lo annuso dopo aver strisciato la mano per carpirne l’odore; vena sapida e acida (prevale la sapidità che mi ha fatto appassionare agli Chardonnay di questa zona) sfavillante e sorprendente che mi fa pensare ad una zona vocata e baciata da Bacco. Lunga e piacevole persistenza. Io l’ho abbinato ad un girello di vitello impanato all’uovo e pan grattato fritto in olio extravergine d’oliva dop Daunia. Sono un uomo felice e fortunato…Chapeau!

I

condividi su:


One Comment

Lascia un commento

Entra con:




Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *