CENCI, NASCE UN TRENTO IN VALSUGANA


Inaugurata sabato 13 ottobre la cantina a Castelnuovo, in Trentino: nel 2016 la decisione comune di lasciare il lavoro di famiglia e dedicarsi totalmente al sogno di diventare vignaioli nel nome del vitigno Chardonnay.

Castelnuovo, sede della giovane cantin,a si trova a pochi chilometri da Borgo Valsugana: quattro ettari di proprietà, vitati a Chardonnay e Pinot Noir, nel cuore di una zona altamente vocata per la viticoltura, spesso dimenticata in passato dai contadini del posto a favore di altre attività produttive .

Pochi sanno che Giulio Ferrari, padre del metodo classico trentino, una volta tornato dalla Francia, piantò le prime barbatelle di Chardonnay per base spumante proprio a Tenna, individuando la Valsugana come il terroir perfetto, grazie all’acidità dei terreni e al clima fresco.

Antonio Cenci padre di Valentino è un uomo di carattere, tenace, diventato negli anni uno degli allevatori più noti di bovini della regione, ma non solo: 11 anni fa Antonio decide insieme al figlio di acquistare la vigna per diversificare la produzione.

“Una scelta lungimirante – dichiara Valentino – che ci ha portato a contatto diretto con il mondo delle bollicine TRENTO DOC, in qualità di conferenti di uva a Ferrari. Mia moglie ed io abbiamo capito giorno dopo giorno che il lavoro di vignaioli era quello che ci appassionava di più: nel 2016 Silvia ha lasciato il suo lavoro di impiegata amministrativa per dedicarsi totalmente al nostro progetto. L’estate scorsa abbiamo vissuto il momento più difficile ed importante: insieme alla famiglia decidiamo di vendere i capi di bestiame e chiudere la stalla. Oggi siamo unicamente vignaioli, con la profonda gratitudine al nostro passato di allevatori!”

“Il sostegno della mia famiglia mi ha dato tanto coraggio – sostiene Silvia -, abbiamo voluto partire con il piede giusto, curare il progetto nei dettagli e per la nostra prima produzione ci siamo rivolti a Renzo Grisenti , noto enologo trentino, originario della zona; nel 2016 abbiamo prodotto le prime 2.000 bottiglie di Chardonnay e 2.700 di TRENTO DOC; la struttura di cantina e la vigna ci hanno permesso, visto il consenso del pubblico e dei migliori ristoranti del territorio che ci hanno messo in carta da subito,  di quadruplicare con la vendemmia 2018 le nostre bottiglie, pensando ovviamente anche a una Riserva che riposa già per un prossimo futuro in cantina”.

L’inaugurazione della Cantina Cenci ha coinvolto un’importante rappresentanza del mondo della stampa enogastronomica regionale e delle principali associazioni (Strada del Vino e dei Sapori del Trentino, Apt Valsugana, Le Donne del Vino, Palazzo Roccabruna, Onav., Istituto Trento doc) e i più stretti collaboratori del progetto Cenci Trentino: Aurora Endrici e  Ombretta Baldo. Importante durante l’evento il tocco creativo di Riccardo Bosco, patron della storica e amata trattoria Boivin a Levico, che ha ideato un menu dedicato al mais spin, preziosa cultivar della Valsugana.

Wine is Life in Valsugana! Questo lo slogan della cantina, che viene dal cuore!

condividi su:



Informazioni su Tiziano Bianchi

Giornalista e blogger con uno sguardo curioso, e a volte provocatorio, per la politiche agricole, appassionato di vino, animatore di degustazioni fra amici e di iniziative a sfondo enologico è fra i fondatori di Skywine - Quaderni di Viticultura e di Trentino Wine. Territorialista e autoctonista, ma fino ad un certo punto: non nasconde, infatti, la sua passione sfrenata per il Barolo. Un peccato di gola, che si fa perdonare con l'amore, non sempre corisposto, per la DOC TRENTO.

Lascia un commento

Entra con:




Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *