IL SOAVE PARLA GIAPPONESE

Sono arrivati da pochi giorni i risultati definitivi della campagna Soave By The Glass 2018 organizzata in Giappone dal Consorzio Tutela Vino Soave e coordinata dal sommelier giapponese Shigeru Hayashi e dall’agenzia piemontese WellCom. Anche quest’anno i numeri di bottiglie stappate e ristoranti coinvolti sono stati in linea con le aspettative, segno di un continuo interesse da parte del mercato del Sol Levante per il Soave. Sono state infatti oltre 12.000 le bottiglie consumate nei 300 locali aderenti all’iniziativa che ha visto primeggiare i ristoranti Knock Cucina Buona Italiana e la Trattoria Carbon. Premiato nella categoria ristorante di alta qualità La Sora Seed Food Relation Restaurant e nella categoria ristorante non italiano la Birreria Kappa.

Un premio speciale è stato invece conferito ai ristoranti Lumino Carino, Kasa e il Bacaro, tra i primi e più attivi partecipanti del Soave By The Glass, che quest’anno diventano Ambasciatori Onorari del Soave, dopo aver vinto per diversi anni di seguito la campagna e essere venuti a ritirare i premi durante la Soave Preview.

“Soave By The Glass” è un progetto partito 6 anni fa per promuovere e incentivare il consumo di Soave in terra giapponese e ogni anno i risultati sono più interessanti, sia in termini di ristoranti coinvolti sia per distribuzione geografica degli stessi. Il coinvolgimento diretto dei locali ha inoltre creato molto movimento nei social come Instagram con “battaglie” a distanza tra i ristoranti partecipanti attraverso colpi di ironia e bottiglie di Soave. Il successo della campagna si può ricercare soprattutto nel coinvolgimento di tutta la filiera, dal produttore, all’importatore al distributore fino al ristorante finale; cio’ crea una sinergia solida nel tempo ed efficace, con risultati tangibili nel breve periodo.

Tante le cantine che hanno aderito infatti al progetto e che stanno già pensando al prossimo anno:

Bertani Domains
Cantina del Castello
Cantina di Monteforte
Cantina di Soave
Cantine Vitevis
Corte Mainente
Corte Moschina
Fattori
Franchetto
Gini
I Stefanini
Le Battistelle
Montetondo
Suavia
Tenuta Sant’Antonio
Vicentini

Nel giugno 2019 entrerà in vigore il trattato che prevede l’eliminazione dei dazi d’importazione verso il Giappone del Soave e si sta già lavorando per una campagna promozionale ad hoc in vista delle Olimpiadi di Tokyo 2020. Giappone è anche territorio di vini vulcanici, come il koshu e infatti Ayana Misawa enologo della cantina Grace Wine sul Monte Fuji ha approfittato della sua permanenza a Verona per il Wine2wine per fare una breve visita alla nostra denominazione.

«Il Giappone rappresenta un mercato strategico nell’ambito delle esportazioni di Soave – spiega Sandro Gini, presidente del Consorzio di tutela – e la lungimiranza e determinazione delle nostre azioni commerciali hanno fatto sì che il Soave sia conosciuto e apprezzato in tutta l’isola. Siamo pronti per iniziare una nuova campagna con entusiasmo e convinzione»

condividi su:


Lascia un commento

Entra con:




Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *