VERDE FEM 1 commento


La Green Week della Fondazione Edmund Mach è iniziata questa mattina con la visita di 60 studenti al campus di San Michele all’Adige: i ragazzi, provenienti da tutta Italia, sono stati accolti nei laboratori da ricercatori e tecnologi FEM nell’ambito del tour alle “Fabbriche della sostenibilità”. Domani, venerdì 1 marzo, alle 11 nell’auditorium del Dipartimento di Lettere a Trento, il presidente Andrea Segrè interverrà alla cerimonia inaugurale, mentre nel pomeriggio sono in calendario due eventi sulla sostenibilità nell’agricoltura, negli alimenti e nell’ambiente.

La Fondazione Edmund Mach partecipa alla “Green Week – Festival della Green Economy” proponendo due eventi. Venerdì 1 marzo 2019 alle 15:00 al Palazzo di Sociologia, Aula Kessler, “Pesticidi nel piatto? La realtà tra scienza e fake news” con Claudio Ioriatti, dirigente Centro trasferimento tecnologico FEM, Valerio Mazzoni, responsabile Unità Entomologia agraria FEM, Ilaria Pertot, direttrice Centro Agricoltura Alimenti Ambiente C3A e la moderazione del presidente Andrea Segrè. Il dibattito partirà dalle più recenti ricerche sui prodotti fitosanitari e gli impatti sulla salute, passando poi agli strumenti a tutela dei consumatori, le peculiarità dell’agricoltura biologica e le alternative ai prodotti fitosanitari, compresa la comunicazione vibrazionale.

A seguire, sempre in Aula Kessler, alle 16:30 “Economia circolare: dal biogas al biometano”. Intervengono Simona D’Angelosante, responsabile Gas Advocacy Snam, Silvia Silvestri, responsabile Unità Risorse ambientali energetiche e zootecniche FEM, Andrea Ventura, amministratore delegato BioENergia Fiemme e Bio Energia Trentino. Modera Lorenzo Andreotti, giornalista di “L’Informatore Agrario”. Si parerà della filiera biogas-biometano promossa e sostenuta dall’entrata in vigore del Decreto interministeriale 2 marzo 2018 che abbina la gestione delle biomasse agricole, zootecniche e urbane – finalizzata al recupero delle risorse e alla riduzione delle emissioni di gas a effetto serra – con la produzione di un biocombustibile.

Domenica 3 marzo i nostri ricercatori parteciperanno invece alla “Domenica Green” al Muse con uno zoo vibrazionale. Dalle 14 alle 17 al piano zero del museo si potrà imparare come comunicano gli insetti e come, con la tecnologia, si possa interferire sul comportamento per proteggere le nostre coltivazioni. Lo stand sarà inoltre dedicato all’app Bugmap per segnalare la presenza di cimici e zanzare

Gli eventi sono gratuiti ma per partecipare è necessaria l’iscrizione sul sito www.greenweekfestival.it

Novità di quest’anno, la Fondazione Edmund Mach è stata inserita nelle “Fabbriche della sostenibilità”: in questa veste, oggi un tour composto da 60 studenti ha fatto tappa nel campus di San Michele all’Adige.

condividi su:



Lascia un commento

Entra con:




Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento su “VERDE FEM

  • Giuliano

    In effetti il presidente di FEM Andrea Segrè è intervenuto alla cerimonia inaugurale sostenendo che:
    “Nel settore agricolo si nota un forte ritardo nella digitalizzazione delle strutture e nella comprensione delle innovazioni. La nostra generazione sta prendendo le decisioni per i giovani, ma loro devono intervenire direttamente.”
    Ma porca miseria ma secondo Voi chi è responsabile di questo ritardo?
    Cosa ha fatto la FEM in tutto questo inverno per il trasferimento tecnologico? E la Federazione delle Cooperative? E i sindacati agricoli? E la PAT ?
    Nulla, non pervenuti, nonostante siano stati tutti sollecitati a organizzare qualcosa anche a pagamento pur di avere dei corsi di formazione.
    Ora la constatazione di Segrè ha il sapore di una presa per i fondelli.
    Il Veneto da quello che si è visto in Rete si è dato molto da fare per formare gli agricoltori, in Austria hanno creato un portale per la formazione degli operatori del settore agricolo: https://oe.lfi.at/e-learning+2500++1287229
    E noi? Cosa aspettiamo?

    File Allegato