Cosa non ci si inventa per vendere una bottiglia di vino. Fra influencer che non hanno mai stappata una bottiglia ma sanno scattare selfie cliccatissimi e giostre spettacolari che eccitano l’emotività offrendo esperienze estreme, ho sempre più la sensazione che il vino si stia smaterializzando, perdendo la sua carica narrativa ripetto al territorio. Emarginato ad una modesta funzione ancillare del mercato.
Mi sembra il canto di un’estetica decadente e una fenomenologia della mercificazione
#seguirabrindisi

condividi su: