MASSÌ, FACCIAMOCI UNA GRAPPA. AD AGOSTO 1 commento


Secondo l‘Istituto della Grappa Trentina, il distillato di vinaccia sarebbe un toccasana per combattere il caldo. E affida il messaggio ad un singolare vademecum per sopravvivere felicemente all’estate. A questo punto cade ogni barriera e il marketing la fa definitivamente da padrone. Su tutto. Anche sul buon senso. Magari facciamola bere anche ai nostri vecchi, quelli a cui tutti consigliano di bere acqua fresca e di ripararsi all’ombra per sopravvivere alla canicola. Così ce li togliamo di torno più in fretta· E una volta per tutte.
#seguirabrindisi

condividi su:



Lascia un commento

Entra con:




Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento su “MASSÌ, FACCIAMOCI UNA GRAPPA. AD AGOSTO

  • il Conte

    Eh no, amico Piovasco questo non è marketing, è la sveltina estiva tanto per dire che la grappa trentina esiste ancora. E l’Istituto di Tutela ne ha inventata una, già raccontata e dimenticata.
    Dopo la “grappa fatta con amore” ecco di nuovo la “grappa dell’estate”, quasi fossimo al Cantagiro. E’ un’ illusione periodica, la fata morgana della produzione invernale.
    Questo lancio/comunicato al consumo però non se lo è proprio consumato nessuno.
    Già, perche la stampa enogastronomicaalimentare nazionale è ora più attenta e non se la beve più, soprattutto in fatto di grappa d’estate. Poca italica redemption, mi pare.
    Però, però ecco il possibile rimedio per toglierci dai piedi gli ultra 70 che soggiornano in bar e banche per respirare un po’ di aria condizionata perché a casa non ce l’hanno.
    Un rimedio ottimo – per non vederli e assisterli più.
    Altro che fine assistita : basta una o più flute grapparole (senza ghiaccio, mi raccomando!) e non cìè bisogno di andare in Svizzera.
    Basta venire e stare in Trentino, terra di orsi, lupi e Albere senza radici.
    Mi piacerebbe tanto sentire il parere dei Soci, di quei Soci che ancora dimostrano una certa dignità di produzione e comunicazione.
    Ma non c’è pericolo perché è subito sera, anche da noi. “Strabauz” a tutti.

    Allego quanto diffuso dal Ministero della Salute che forse pochi conoscono. Faccio solo per dire qualcosa.