BORDERWINE

Sono ormai passati diversi anni da quando ci ha lasciati Enio Olivotto, grande ristoratore ed albergatore in Rovereto. Fra i tanti che ho conosciuto, il più grande. Un giorno vi racconterò la mia esperienza. Ora, e sono certo di avere buoni testimoni, mi sovviene la sua impareggiabile Carta dei Vini firmata da un frammento di uno dei più misconosciuti poeti

Continua a leggere

di Angelo Rossi su Annuario 2010-2011 Fondazione Edmund Mach * E’ un onore, ma anche un bell’impegno, scrivere di un uomo, anzi, di un grande uomo e maestro di vita prima ancora che di lavoro, qual è Ferdinando “Mario” Tonon. Mario non sarà solo il suo nome di battaglia durante la resistenza, ma anche il soprannome che gli avevano dato

Continua a leggere

(L’Adige – 2001) – Elegante e composto come i vini che da vent’anni costruisceingegnosamente e con lapassione di un grande maestrodel gusto, il marchese CarloGuerrieri Gonzaga – geniale autoredel Rosso San Leonardo, ilvino, annata 1997 e fino ad oraultima in commercio, che nellescorse settimane l’associazioneitaliana sommelier ha giudicatocome il miglior rosso dell’anno- si muove con l’aria e ilportamento distinti e

Continua a leggere

Mi sembra che su questo blog ancora nessuno abbia voluto ricordare la scomparsa, avvenuta ieri, di un grande (anti)italiano, Giorgio Bocca. Di cui sono sempre stato, e sarò ancor di più in futuro, un attento e affezionato lettore. Per questo mi permetto di postare qui, una breve ma illuminante riflessione sulle mode del vino modaiolo che Bocca firmò nel 2006

Continua a leggere

  L’Adige 8 maggio 2011 – Era un Trentino che non sapeva ancora dove andare e cosa fare, quello degli anni Cinquanta. Era appena uscito dalla guerra e l’agricoltura era segnata da un’arretratezza quasi ottocentesca. La viticoltura ancora peggio: «Le pergole di Nostrana erano lunghe mezzo metro, ne poteva uscire solo acqua, in mezzo ai vigneti si coltivavano patate e

Continua a leggere

Sono in treno, sto smanettando con il portatile. Accanto a me due ragazze (più che altro due signore: avranno la mia età, sebbene mi sembrino più figlie che coetanee. Ma questo dipende solo da me e dalla mia barba). Quella con i capelli corti, bassina ma carina, ha gli occhi infossati. Glieli ho visti prima quando per un attimo si

Continua a leggere

Fuori in piazzetta il carnevale impazza: ragù e maccheroni per tutti. Il saturnale di Villalta è sempre stato così: un appuntamento di socializzazione sfrenata a cui nessun alense ha mai voluto rinunciare. Intanto in posta elettronica arriva una email di Patrizia, una mia amica giornalista e scrittrice di Rovereto. Mi manda una sua riflessione su questa giornata di otto marzo. Stanotte avevo promesso che vi avrei risparmiata la retorica di questa ricorrenza. Tuttavia, questa è un’altra cosa. E’ la scrittura di una donna per le donne. E’ una scrittura femminile che non fa sconti. E che non li chiede. Ma è anche una riflessione che può essere utile agli uomini che vogliono imparare ad essere amici delle donne..
Io ho letto questa riflessione di Patrizia accanto ad un bichiere del mio vino arancione: il Gewürztraminer Maso Michei. Mi pare l’accostamento più adatto che riesco ad immaginare.
Buona lettura! … CLICCA IL LINK QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE >>>

Continua a leggere