Nel centro (quasi) di Rovereto, qualcuno ancora si ostina ad usare “le strope” – il vimini del Salice – per legare i tralci della vigna, ripetendo un rito millenario della primavera contadina che rifiuta la meccanizzazione e la modernità Anche in città. #territoriocheresisteVigneto Miorandi

condividi su: