GLI ODIATORI, I NUOVI BARBARI 1 commento


Sono stato seriamente tentato di cancellare questo post dal mio profilo FB e con esso il letamaio disumano che involontariamente ha generato. Poi, invece, ho pensato di conservarlo e di ripubblicarlo qui. A futura memoria.

A memoria di questa stagione abitata dalla barbarie e dagli odiatori di professione.

#seguirabrindisi

condividi su:



Informazioni su Tiziano Bianchi

Giornalista e blogger con uno sguardo curioso, e a volte provocatorio, per la politiche agricole, appassionato di vino, animatore di degustazioni fra amici e di iniziative a sfondo enologico è fra i fondatori di Skywine - Quaderni di Viticultura e di Trentino Wine. Territorialista e autoctonista, ma fino ad un certo punto: non nasconde, infatti, la sua passione sfrenata per il Barolo. Un peccato di gola, che si fa perdonare con l'amore, non sempre corisposto, per la DOC TRENTO.

Lascia un commento

Entra con:




Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento su “GLI ODIATORI, I NUOVI BARBARI

  • Paolo Bongiovanni

    Odiatori di professione, tanto incapaci di dare un senso alla propria insulsa vita da necessitare di attaccare/sputtanare gli altri.
    In dialetto li si dovrebbe definire “pori laori”, ma ciò vorrebbe dire essere benevoli…per restare in tema lo chiamerei in modo più appropriato…delle merde.