SEGUIRABRINDISI

Il mio amico Angelo Carrillo coltiva una barba ridicola ma beve (quasi) solo Petrus, il mio amichetto Franco Ziliani è un bassotto ma beve (quasi) solo Barolo e io ho la pancia etilica ma bevo (quasi) solo vino industriale. Nessuno dei tre, comunque, percepisce i sentori di linoleum, e quando li percepiamo li schifiamo. Del resto quando alle mie morose

Continua a leggere...

Dio è morto, Marx pure e anche il Rotaliano non si sente tanto bene. #seguirabrindisi (Foto di Simone Liloni) Cosimo Piovasco da BordeauxÈ lo pseudonimo collettivo con cui fin dall’inizio sono stati firmati la maggior parte dei post più trucidi e succulenti di Territoriocheresiste. Il nome è un omaggio al protagonista del Barone rampante, il grande capolavoro di Italo Calvino.

Continua a leggere...

Che cosa sia un Trento (Trentidoc) oggi ce lo spiega bene la famigerata VOCE DEL TRENTINO, quinta colonna armata (di penna e di cazzate) della Giunta Provinciale leghista: Un vino indimenticabile e frizzante prodotto con pregiate uve Chardonnay e Pinot Nero importate fresche, fresche e fragranti dalla Champagne. Cosimo Piovasco da BordeauxÈ lo pseudonimo collettivo con cui fin dall’inizio sono

Continua a leggere...

Voglio esprimere alcune brevi considerazioni alla luce della partecipazione al corso ABC del Vino. Faranno sicuramente cadere le braccia ai maestri che abbiamo avuto e all’ideatore – animatore, ma le faccio ugualmente, in tutta la mia ingenuità e grossolanità di gusti, di cui sono perfettamente consapevole. In riferimento in particolare alla disanima dei vini rossi, si parla di ricordo di

Continua a leggere...

Chiedo scusa: la vicenda Toblino non esiste. Anzi, non è mai esistita. I due lavoratori sindacalizzati e licenziati, come tutti i lavoratori nel tempo del colera liberista, sono invisibili. Quindi non esistono. La storia delle uve anabolizzate legalmente sotto i cieli di Trento è una mia perversa invenzione. Chiedo scusa. Ho preso un abbaglio. Un abbaglio lisergico. Gli autorevoli e

Continua a leggere...

Sulle gazzette locali oggi non c’è traccia della decisa presa di distanza dei giovani cooperatori trentini dalla gestione iperindustralista di SAIT. Territoriocheresiste ne aveva data notizia ieri mattina. Visto l’odierno silenzio della grande stampa trentina, la sola conclusione che riesco amaramente a trarre è questa: io devo aver perduto per strada il senso della notizia. Ammesso che ce l’abbia mai

Continua a leggere...

(elaborazione grafica a cura di Paola Attanasio) La notizia dei goduriosi piaceri enologici coltivati in pubblico dall’assessore proseccarolo al Turismo della Provincia di Trento, ieri  sul web è diventata virale e oggi è finita sulle prime pagine dei più composti quotidiani locali. Uno svaccamento comunicativo, che fa male prima di tutto al Trentino e che l’assessore provinciale avrebbe potuto evitare alla grande,

Continua a leggere...

…Io ho una certa pratica del mondo; e quella che diciamo l’umanità, e ci riempiamo la bocca a dire umanità, bella parola piena di vento, la divido in cinque categorie: gli uomini, i mezz’uomini, gli ominicchi, i (con rispetto parlando) pigliainculo e i quaquaraquà. Pochissimi gli uomini; i mezz’uomini pochi, ché mi contenterei l’umanità si fermasse ai mezz’uomini. E invece

Continua a leggere...

Ieri l’Ansa ci informava che Alessandro Borghese, lo chef più belloccio del Belpaese, è stato scelto come brand ambassador dal Consorzio astigiano del Moscato. La notizia, tuttavia, era stata anticipata circa un mese fa da WineMag, la rivista digitale diretta da Davide Bortone. E allora? Allora a margine di questa notizia – non notizia, c’è un un prelibato, e amaro,

Continua a leggere...